Vai al contenuto

Come visitare Roma spendendo poco

Roma, la città eterna, è una delle città più belle al mondo e per questo è anche molto frequentata dai turisti. Scopri come visitarla spendendo poco.

fori imperiali roma

E’ sempre difficile fare una classifica delle città più belle al mondo, ma devo ammettere che Roma è nella mia top 3. Roma è una città unica con una storia millenaria e non importa quante volte la si visiti: c’è sempre qualcosa di nuovo da scoprire.

Certo è triste vedere come negli ultimi anni sia stata lasciata andare a se stessa, ma ciò non toglie che sia sempre molto interessante. Il rovescio della medaglia è che Roma è una delle città più turistiche in Italia e nel mondo. Inoltre, trattandosi della capitale, è facile capire perchè visitare Roma può essere abbastanza costoso, soprattutto se si ha una famiglia e dei figli. Ecco quindi alcuni consigli per visitare questa città cercando di spendere il meno possibile senza però rinunciare a troppe cose.

Se vuoi invece alcune idee su cosa vedere nella capitale evitando i turisti, non perderti questo bell’articolo del magazine di Expedia sulla Roma segreta..

Come visitare Roma spendendo poco: arrivare a Roma

come visitare roma spendendo poco

Il vantaggio di vivere in Europa è che viaggiare costa molto poco, soprattutto se paragonato agli altri continenti. Ecco alcune delle opzioni per spendere poco:

Treno: Prenotando con un po’ di anticipo puoi trovare delle buone offerte per arrivare in treno a Roma. Molte offerte per i treni Frecciarossa sono valide solo se sei registrato al sito e, visto che non costa nulla, ti consiglio di farlo.

Auto: Se viaggi da solo o in coppia, un ottimo modo per risparmiare è il carsharing, ovvero condividere l’auto con qualcun altro che fa la stessa tratta. Ci sono diversi servizi che permettono di trovare altri passeggeri e il più famoso è Blablacar.

Autobus: L’arrivo di Flixbus in Italia non è stato accolto a braccia aperte dalle compagnie di Autobus che già operavano nel settore ed è facile immaginare il motivo. I prezzi dei bus sono veramente bassi, soprattutto se scegli la tratta notturna (che ti permette tra l’altro di risparmiare una notte in albergo).

Aereo: Se abiti molto lontano da Roma, forse nessuna delle opzioni citate fa al caso tuo e l’unica soluzione è l’aereo. Anche in questo caso comunque, iscrivendosi ai siti delle compagnie low-cost e prenotando con un certo anticipo, è possibile spendere poco. Per i trasferimenti da e per l’aeroporto forse è meglio prenotare in anticipo su internet così da evitare sorprese con i taxi.

Come muoversi a Roma

piazza di spagna

La maggior parte delle cose da vedere a Roma sono a poca distanza l’una dall’altra e questo significa che non dovrai spostarti molto. I bus sono il modo più economico per spostarsi da un punto all’altro della città ma tieni a mente che sono purtroppo gestiti molto male: spesso dovrai aspettare anche più di mezz’ora e a volte un’ora prima che passi il bus che stavi aspettando (sempre che non ci sia sciopero). Il prezzo è di 1,5€ per biglietto ed è valido per 100 minuti. Il modo più comodo per acquistarlo è scaricando l’APP Mycicero. Puoi mettere un po’ di soldi sul tuo account Mycicero (anche via Paypal) e puoi poi acquistare il biglietto. Ricordati che una volta acquistato devi attivarlo PRIMA di salire sull’autobus.

Dove dormire a Roma spendendo poco

teatro marcello roma

Molto probabilmente, a meno che tu abbia parenti a Roma, l’hotel sarà la spesa maggiore del tuo soggiorno nella capitale. Ognuno ha budget e necessità diverse. Alcuni preferiscono spendere un po’ di più ma restare in centro, altri preferiscono risparmiare il più possibile e poi muoversi con i mezzi anche se questo significa allontanarsi dalla città. In ogni caso puoi trovare quello di cui hai bisogno cercando su uno dei molti motori di ricerca specializzati.

Cosa vedere a Roma senza pagare

risparmiare a roma con i musei gratis

Molte delle cose da vedere a Roma sono fortunatamente gratuite (come la fontana di Trevi, piazza di Spagna ecc), mentre altre sono a pagamento ma se vai la prima Domenica del mese quasi tutti i musei sono gratuiti. Ecco una lista parziale dei musei in cui non dovrai pagare l’ingresso:

  • Colosseo
  • Foro Romano
  • Terme di Caracalla
  • Domus Area
  • Galleria Borghese
  • GNAM Galleria Nazionale Arte Moderna
  • Musei capitolini
  • Centrale Montermartini
  • Mercati di Traiano
  • Museo dell’Ara Pacis
  • Museo di Roma in Trastevere
  • Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia
  • Museo Nazionale Romano
  • Galleria Spada
  • Museo Nazionale di Palazzo Venezia
  • Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo
  • Museo Nazionale degli Strumenti Musicali
  • Museo Ostiense
  • Villa Adriana

I Musei Vaticani (assolutamente imperdibili) hanno invece un giorno di ingresso gratuito diverso. Ti consiglio di controllare il sito ufficiale per avere le date aggiornate. Solitamente è l’ultima domenica del mese.
Tieni presente che ci saranno moltissime persone e che dovrai scegliere cosa vedere con attenzione visto che alcuni musei sono enormi e in un solo giorno non puoi vedere molto.

Consiglio anche questo tour (gratuito) per visitare i luoghi più importanti di Roma con una guida locale esperta. Qui invece trovi l’elenco completo dei tour gratuiti nelle città Italiane.

Mangiare a Roma spendendo poco

Il cibo è, dopo l’alloggio, la seconda spesa che più influisce quando si viaggia. Detto questo, mangiare a Roma è relativamente economico se ti sai adattare. Se vuoi trovare qualche buon ristorante a prezzi scontati controlla Groupon. Altrimenti una pizza+coperto+acqua dovrebbe costarti meno di 10€.

Consclusioni

colosseo

Nonostante Roma sia la capitale non è una città particolarmente cara per i turisti che sanno organizzarsi in anticipo. Come nel caso dei musei è fondamentale pianificare il viaggio tenendo conto delle date ideali per visitarla ma, se lo farai, potrai goderti la città eterna senza andare in bancarotta.

Qui trovi le altre foto che ho scattato a Roma. Qui alcuni consigli su cosa vedere a Roma in due giorni.

2 commenti su “Come visitare Roma spendendo poco”

Rispondi a Fabio Nodari Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.